manuel santoro convergenza socialista socialismo

Il futuro del socialismo italiano è fuori sia dal PD che dal M5S

Il socialismo non ha e non avrà futuro nel PD e nel M5S. Lo dico perché il problema principale del socialismo italiano, oggi, sono gli stessi socialisti. Coloro che, in questa ultima tornata elettorale, hanno appoggiato spudoratamente il PD ed il M5S, proponendo in alcuni casi liste di supporto. Essi sono parte del problema, non della soluzione. Appoggiare il PD ed il M5S in un’ottica … Continua a leggere Il futuro del socialismo italiano è fuori sia dal PD che dal M5S

manuel santoro convergenza socialista socialismo elezioni Roma Torino PD M5S

Per chi suona la campana

La vittoria netta del M5S a Roma e Torino è il penultimo atto di una grande ascesa politica che avrà il suo apice probabilmente alle prossime elezioni politiche. Come è stato rimarcato da più parti, è avvenuta la rottamazione del rottamatore, la svolta dopo la svolta, il ‘cambia verso’ immediato dopo che qualcuno, solo poco tempo prima, ci aveva assillato con tale slogan. E’ emblematica … Continua a leggere Per chi suona la campana

BREVI COMMENTI DI LINEA POLITICA a valle della Direzione nazionale del PSI. 30/05/2012

Alcuni commenti sulla base della lettura dei documenti disponibili, vale a dire la sintesi della relazione del Segretario Nencini ed il documento uscito dalla Direzione nazionale di oggi. Spero che serva da viatico per una proficua discussione.

Quello che e’ emerso oggi dalla Direzione nazionale del Partito Socialista Italiano ci deve far riflettere seriamente sul percorso politico intrapreso dal Partito.
Prima di tutto si pone il problema politico della costituzione di una Casa dei Riformisti e dei Democratici. Nome dalle fattezze alquanto vaghe ma dal preciso obiettivo politico.
Secondo, rivolgere un simile progetto a SeL e PD sembra una forzatura politica digeribile per il secondo, ma dubito per il primo, soprattutto in un quadro di moderatismo di indirizzo centrista, come tale operazione in effetti si porge.
Continua a leggere “BREVI COMMENTI DI LINEA POLITICA a valle della Direzione nazionale del PSI. 30/05/2012”

Lettera agli incompresi. Un brutto sogno tra grandi ideali e piccole segreterie

Questa mia breve missiva è rivolta a tutti i laici, libertari, riformisti, socialisti e liberal-socialisti nella sinistra italiana. A chi ama la libertà. Non solo come idea ma come pratica politica. Oserei dire, come faro nell’organizzazione della politica.
Oggi a me interessa rivolgermi a chi è felicemente tesserato (i.e. PSI, SeL, Verdi, ecc), a chi è infelicemente tesserato in perenne minoranza ed in costante lotta, ed a chi si sente senza alcuna casa politica in quanto vede le sue idee troppo distanti dalla direzione politica indicata.

Continua a leggere “Lettera agli incompresi. Un brutto sogno tra grandi ideali e piccole segreterie”

“Rendere reale la speranza di una casa comune”. Pensieri sull’incontro LE-MRS avvenuto a Roma.

Carissimi compagni, carissimi amici,

poche parole per dire che l’incontro di ieri, che mi ha visto coinvolto, tra le delegazioni di Liberta’ ed Eguaglianza (LE) e del Movimento Radicalsocialista (MRS) segna il primo passo verso la definizione e l’implementazione di un progetto politico diverso, in quanto, se volete, antistorico. Di certo un progetto politico serio, esteso ed inclusivo. Un progetto di sintesi politica.

Continua a leggere ““Rendere reale la speranza di una casa comune”. Pensieri sull’incontro LE-MRS avvenuto a Roma.”

Partecipazione ed Appartenenza.

Tesserarsi per delle idee è importante. Tesserarsi affinché le idee vengano portate avanti nella società, nelle amministrazioni e nelle istituzioni è vitale per tutta la cittadinanza.
Tesserarsi è appartenenza, è mobilitazione, è altruismo. Tesserarsi è l’effetto chiaro di un risveglio liberatore e pulsante nei confronti dell’umanità intera.
Significa scegliere da che parte stare e scegliere di aiutare tutti coloro che già lottano dalla stessa parte. Significa aver dato atto a se stessi dell’importanza della propria vita in mezzo ad altre vite. Significa essere portatori di valori condivisi.

Continua a leggere “Partecipazione ed Appartenenza.”

Un nuovo modello di società ed il dovere di dare una speranza.

Nel mio precedente intervento sulle opposizioni avevo detto, e qui lo ribadisco, che “dalle opposizioni ci si aspetta un progetto alternativo, di “costruzione” di un modello di società fondato su valori ed ideali di giustizia sociale, libertà e solidarietà. Un progetto che nessuna opposizione possiede. Una visione, un obiettivo che indichi dove andremo. E, soprattutto, come ci andremo.“ Tralasciando il progetto “eversivo” di società rincorso dalla destra berlusconiana che tutti, bene o male, conosciamo, confermo tristemente che, dall’altra parte, non ho ancora avuto modo di apprezzare il tentativo di progettualità per un modello di società alternativo. E mi domando il perché.

Continua a leggere “Un nuovo modello di società ed il dovere di dare una speranza.”

La fame nel mondo e la miopia della politica.

Questo articolo è stato scritto dal sottoscritto nel giugno 2009. Lo ripropongo oggi in quanto del tutto attuale. E’ doveroso ricordare ed agire.

L’ultimo rapporto FAO sulla malnutrizione e sulla mortalità nel mondo pone, soprattutto ai Paesi più industrializzati, un problema politico serio che sino ad oggi non si è voluto affrontare in modo degno. E’ non parliamo dell’Italia che ha tagliato drasticamente le risorse destinate alla cooperazione. Il rapporto FAO ci pone davanti ad un problema globale e tremendamente serio la cui soluzione è del tutto politica.

Continua a leggere “La fame nel mondo e la miopia della politica.”