Manuel Santoro

Segretario politico nazionale di Convergenza Socialista

Una speranza americana nell’era post-Sanders

Molti socialisti italiani, oggi, incensano Sanders per il suo senso di responsabilità nell’aver appoggiato Hillary Clinton alla DNC, Democratic National Convention. Io penso, invece, che Sanders abbia commesso un errore strategico, in termini politici, enorme.

Prima di tutto, dobbiamo partire dal fatto che le piattaforme politiche di Sanders e di Clinton erano diverse, a tratti diversissime, sull’aspetto bancario, economico e soprattutto finanziario. Ma non solo.

Clinton è il candidato dei poteri forti, di tutti, da Wall Street ai militari, dalle multinazionali all’industria per la difesa ed armamenti, dalle star di Hollywood ai grandi media (probabilmente solo Bill O’Reilly della Fox News è vicino a Trump), e il candidato vice presidente appena nominato, Tim Kaine, supporta una spinta deregolamentazione del sistema bancario americano, già ampliamente deregolamentato da Bill Clinton il quale, nel 1999, volle e firmò la Gramm-Leach-Bliley Act* che rimuoveva le differenze tra banche commerciali e banche d’investimento. Legge ritenuta ormai la causa principale della crisi sistemica del sistema bancario e finanziario del 2008.

Non deve essere una sorpresa, quindi, che tantissimi seguaci di Sanders abbiamo considerato l’appoggio del candidato ‘socialista’ alla Clinton un vero e proprio tradimento. Molti non voteranno ma altrettanti, penso, voteranno Trump proprio per la natura pragmatica, non ideologica, dell’elettorato americano.

Il secondo punto è la natura dell’appoggio di Sanders. Non credo in una conversione programmatica del senatore del Vermont ne’ tanto meno in un ‘anti-trumpismo’ viscerale. Sanders si unisce alla Clinton in un ultimo sussulto prima della pensione per sconfiggere un repubblicano cercando di unire il partito oppure, in termini più pragmatici, per una promessa fatta a Sanders relativamente ad posto di rilievo nella possibile e futura amministrazione Clinton.

Qualunque sia il motivo dietro la decisione del senatore rimane, comunque, l’evaporazione triste, ma ora certa ed inesorabile, della speranza Sanders, certo fortemente socialista almeno nei termini ereditati dalla storia americana. I tantissimi americani che hanno seguito Sanders nella sua campagna elettorale sono certamente rimasti traditi e si è visto durante la Convention democratica. Traditi dalla scelta scellerata del loro amato candidato e dal comportamento scorretto del Partito Democratico e delle trame pro-Clinton ora a noi note grazie a WikiLeaks.

Ma una nuova speranza riemerge in questi giorni di convention. A prescindere da Sanders.

Contemporaneamente alla svolgersi della DNC, a Philadelphia, si sta svolgendo la ‘Convergenza Socialista – Portare Avanti la Rivoluzione Politica’ (‘Socialist Convergence — Carrying Forward the Political Revolution’**). In riconoscimento di una opportunità storica del movimento che ha seguito ed alimentato la campagna elettorale di Bernie Sanders, diverse organizzazioni socialiste americane hanno dato vita alla ‘Convergenza Socialista’.

Democratic Socialists of America
Equality Coalition
Freedom Socialist Party – U.S.
Green Party of New York State
Green Party of Pennsylvania
International Marxist Tendency (IMT)
International Socialist Organization
Kentucky Workers League
Left Elect Coalition
Move To Amend
New York Workers Collective – Marxist-Leninist
Oakland Socialist
Party for Socialism and Liberation – PSL
Philly Coalition for REAL Justice
Philly DSA
Philly Socialists
Socialist Action
Socialist Alternative
Socialist Worker
Solidarity: a socialist, feminist, anti-racist organization
System Change Not Climate Change; the Ecosocialist Coalition
The People’s Revolution

Incontri, assemblee da tenersi nei giorni della Convention democratica.

Certamente una speranza che condivido e coltivo, non solo per il semplice fatto che siamo noi la Convergenza Socialista in Italia, e che spero possa alimentarsi nel tempo divenendo importante negli Stati Uniti. E che spero possa rendersi visibile anche fuori dai confini nazionali. Verso una, forse, utopistica ‘Convergenza Socialista’ internazionale.

* http://www.presidency.ucsb.edu/ws/?pid=56922

Le parole iniziali di Bill Clinton furono, come riportate nel link: ‘Oggi sono contento di firmare la legge S.900, il Gramm-Leach-Bliley Act. Questa legge storica renderà più moderno l’impianto legislativo del nostro sistema finanziario, stimolando maggior innovazione e competizione nel sistema finanziario. I consumatori americani, le nostre comunità e l’economia raccoglieranno i benefici di questa legge.

** https://www.evensi.us/socialist-convergence-carrying-forward-the-political/175672227

** http://www.p2016.org/demconv16/socialistconvergence.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Follow Manuel Santoro on WordPress.com

Segui assieme ad altri 495 follower

Seguimi su Twitter

Archivi

Statistiche del Blog

  • 6,820 visite

La mia comunità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: