Manuel Santoro

Segretario politico nazionale di Convergenza Socialista

NON MOLLARE!

Non mollare perchè è necessario ripensare un nuovo modello di sviluppo, alternativo, che rintracci nel benessere dell’essere umano e degli esseri viventi i suoi tratti fondamentali. Quando la struttura economica e sociale basata sulla proprietà privata dei beni di produzione diventa neo-capitalismo, la produzione localistica di beni e consumi si trasforma in produzione di massa con un aumento della concentrazione del potere economico in grandi società nazionali o multinazionali e con  una espansione continua dei consumi e della massa dei consumatori. Seppur questo enorme incremento delle capacità di produzione, trasporto e smistamento di beni determina l’inizio di processi di omologazione sociali, culturali e comportamentali, intaccando i costumi, le particolarità e le tradizioni, il capitale continua a rigenerare se stesso, incrementandosi, attraverso sempre la fase della produzione. Il neo-capitalismo muore, trasformandosi lentamente in qualcosa di più pericoloso quando, staccandosi dalla fase produttiva, comprende di poter alimentare se stesso a costi quasi azzerati. Il capitalismo diventa, così, un processo in cui il capitale genera se stesso senza fermate intermedie, autoalimentandosi.

Non mollare perchè è necessario ristabilire un contatto tra la voglia di inclusione politica da parte del cittadino e le  idee di eguaglianza, di solidarietà umana e di giustizia sociale. Siamo ormai giunti all’incontro tra la voglia di sinistra e la mancanza di sinistra nel Paese, all’incontro tra una positività ed una negatività, entrambi in crescendo, conditi da un parlamentarismo ottuso lontano dalla gente e, quindi, lontano dai reali e tangibili cambiamenti dei microsistemi sociali. E’ sempre più necessario intraprendere una ristrutturazione della solidarietà politica evitando la istituzionalizzazione dei gruppi dirigenti ed ammettendo come i ceti produttivi medio-piccoli siano totalmente inglobabili in un disegno radicalmente riformatore al fianco dei ceti più deboli.

Non mollare perchè è necessario ristabilire un contatto diretto con la gente nei territori, territorializzando la progettualità di una nuova sinistra eco-socialista, che tratti direttamente, casa per casa, strada per strada, fabbrica per fabbrica, le reali problematiche delle collettività. Una sinistra per la povera gente che metta in soffitta i miti del passato come personali ricordi e rigetti il perseverare di una politica annacquatamente riformista. Non vi è alternativa politica, oggi, senza un ricollegamento serio tra un potenziale progetto di sinistra e quello che è rimasto del suo popolo. Compito arduo ma possibile solo in chiave strategica, senza alcun tatticismo, poiché la sinistra ha smesso di affrontare con forza interessi, resistenze, ostilità, corporativismo e parassitismo, scivolando così verso un forte moderatismo sulla risoluzione dei problemi reali dei ceti deboli e verso una radicalizzazione del parlamentarismo, anche locale, come pratica politica.

Non mollare perchè è necessario evitare unificazioni di vertici, di interessi di potere, di apparati ma puntare ad un lavoro di ripresa di un movimento popolare. Un movimento dei molti della sinistra contro cartelli a fini elettoralistici con un seguito tra i molti. Oggi un movimento, un partito la cui esistenza risiede nei suoi fini elettorali non ha alcun senso nella società e non permette un ripensamento dei processi sociali in quanto estranea, da tali processi, la gran parte delle cittadinanze.

Non mollare perchè è necessario evitare pratiche spartitorie con il centrismo moderato. Il centro-sinistra è oggi, come lo è stato in passato, un compromesso politico e non sociale. E’ troppo poco rappresentativo del movimento invisibile dei meno abbienti, delle forze lavoro e delle forze della media-piccola imprenditoria per riuscire ad emergere come alternativa politica per una esistenza diversa.

Non mollare!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Follow Manuel Santoro on WordPress.com

Segui assieme ad altri 495 follower

Seguimi su Twitter

Archivi

Statistiche del Blog

  • 6,833 visite

La mia comunità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: