Manuel Santoro

Segretario politico nazionale di Convergenza Socialista

Una via d’uscita socialista.

Se i socialisti italiani volessero provare a fare la storia e non solo ammirarla stancamente da lontano, dovrebbero, come atto primo, ricercare tutte le possibili occasioni di avvicinamento umano e politico che lo svolgere della politica permette. Questi casi non capitano spesso ma, avvolte, quando capitano, vanno afferrati senza perplessità. Alcuni giorni fa scrissi che le primarie, se usate bene, potevano rivelarsi il mezzo per una rinascita socialista in questo Paese all’interno di un progetto, di lungo termine, di ricostruzione della sinistra in Italia. Mi riferivo alla reale possibilità di costruire una casa comune, una casa dei socialisti, all’interno della quale far emergere un costante perseguimento teorico, pratico e morale dell’ideale socialista. Ideale che ha il suo cuore nel “portare avanti tutti quelli che sono nati indietro”. Non ha alcun senso, oggi, lavorare per aggregare tutti i socialisti in diaspora, e sono tanti, senza una rottura frontale con l’inesistenza dell’attuale analisi ed azione socialista. Le primarie potranno essere occasione di riscatto per il mondo socialista solo se tale occasione nascerà sulla rottura rispetto alle priorità politiche e programmatiche dell’attuale dirigenza socialista.

Sul piano politico questa operazione di rinascita socialista potrebbe avverarsi prendendo in considerazione i seguenti punti:

  • farsi centro e promotore di una nuova forma di aggregazione sulla base della convinzione che il socialismo sia ormai orfano di una sua collocazione organizzativa nella società italiana,
  • allacciare un legame fondativo con la tradizione socialista (con gli ideali di libertà e di democrazia, di eguaglianza e di giustizia sociale) e con una reale traduzione pratica,
  • costituire un movimento largo, realmente autonomo (soprattutto dal PD), ancorato in Europa alle esperienze radicalmente riformiste del socialismo europeo senza dimenticare gli aspetti positivi dell’esperienza della sinistra europea, e all’internazionalismo. Lavorare alla realizzazione di radicali riforme di struttura,
  • perseguire come fine la democrazia interna. La democrazia interna implica la più grande attivazione e partecipazione critica dei partecipanti, e consente la manifestazione di tendenze diverse, elevando il necessario spirito di solidarietà e di collaborazione.

Se ci fosse la volontà politica di aggregare forze nuove per un vero riscatto socialista, penso che questo piccolo scritto possa dare qualche suggerimento da prendere in considerazione.

Manuel Santoro – 09/10/2012
https://manuelsantoro.com/
http://voicestrap.com/
http://convergenzasocialista.forumfree.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Follow Manuel Santoro on WordPress.com

Segui assieme ad altri 495 follower

Seguimi su Twitter

Archivi

Statistiche del Blog

  • 6,833 visite

La mia comunità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: